Vai a sottomenu e altri contenuti

TASI - Tributo per i Servizi Indivisibili

Il tributo per i servizi indivisibili TASI è entrata in vigore il primo gennaio 2014 con la finalità di concorre al finanziamento dei servizi indivisibili erogati dal Comune (esempio: viabilità, illuminazione pubblica, verde pubblico).

Sia la base imponibile che il metodo di calcolo della TASI sono gli stessi dell'IMU, mentre i soggetti passivi sono il proprietario degli immobili e l'eventuale utilizzatore diverso dal proprietario. In tale circostanza il tributo è dovuto nella misura del 90 per cento dal proprietario è del 10 percento dall'utilizzatore.

Dall'annualità 2016 le unità immobiliari adibite ad abitazione principale, sia dal possessore ché dall'utilizzatore e dal suo nucleo familiare, sono escluse dall'assoggettamento alla TASI, fatta eccezione per quelle classificate nelle categorie catastali A/1, A/8 e A/9.

La TASI calcolata in autoliquidazione applicando al valore imponibile dell'immobile l'aliquota deliberata annualmente dal Comune, deve essere versata in due rate con scadenza al 16 giugno (acconto) e il 16 dicembre (saldo) di ogni annualità.

Requisiti

-

Costi

-

Incaricato

-

Tempi complessivi

-

Documenti allegati

Documenti allegati
Titolo  Formato Peso
Regolamento IUC Formato pdf 514 kb
Aliquote Formato pdf 375 kb
Istanza generica Formato pdf 127 kb
Modello rimborso Formato pdf 101 kb
Richiesta di sgravio Formato pdf 51 kb
torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto